MuccaFumetto 2000 a Expocartoon - Roma.

GLI OSPITI INTERNAZIONALI. Maria Bjorklund (Finlandia) Nata nel 1970, si e' diplomata in Graphic Design al Rovaniemi institute of arts and crafts. Attualmente studia all'Universita' di Art and Design di Helsinki. Oltre a pubblicare fumetti ed illustrazionisu varie riviste finlandesi (Sivullinen, Das Lehti, Sarjakuvan vuosikirja 1, Evtek) e straniere (Spagna, Slovenia, Portugal, Paesi Bassi, Germania, Belgio, Inghilterra, Yugoslavia, Olanda, Lithuania, Brasile, Italia, Canada, U.S.A., Svezia), lavora come assistente alla regia e illustratrice nel campo delle animazioni. I suoi lavori sono stati esposti in varie mostre, collettive e personali in tutta la Finlandia. Bibliografia italiana: - Kerosene n. 5, Multimage edizioni, maggio 2000 - Kerosene n. 6, Edizioni Mare Nero, ottobre 2000. Maaike Hartjes (Olanda) Maaike Hartjes e' nata nel 1972 e dopo aver studiato alle Accademie dell'Arte di Amsterdam e Utrecht (illustrazione e pittura) ha fondato lo studio di design e pubblicita' De Zwarte Handel. Da sempre pubblica fumetti, sia su riviste olandesi che straniere (Vacuum, Formaline, Kerosene, Bitchy Bitch, Caption). Nel 1995 ha avuto una nomination come miglior fumetto olandese per il suo Maaike's Dagboekje (Il diario di Maaike). Attualmente collabora con la rivista di fumetti Zone 5300, il settimanale Zondagsnieuws e la piu' importante rivista femminile olandese, Viva, oltre a tenere seminari e workshop. Nell'autunno 2000 uscira' un libro in cui verra' raccolto il suo carteggio con artisti serbi, avvenuto durante la guerra del Kossovo. Bibliografia italiana: - Kerosene n. 5, Multimage edizioni, maggio 2000 - Kerosene n. 6, Edizioni Mare Nero, ottobre 2000
Entrambe le autrici saranno presenti in fiera e presenzieranno all'esposizione dei loro lavori. Per eventuali interviste disponibile un
interprete, previo appuntamento con il curatore della mostra. Mostra a cura di Alessandro Onori per la rivista Kerosene. Per informazioni: 0328.8985755 [alessandro.o@libero.it] LE MOSTRE COLLETTIVE / BRUTTI SPORCHI E CATTIVI. L'antifumetto e la devastazione di segno e linguaggio. Dalla meta' degli anni '90 sul panorama del fumetto italiano si e' andata configurando una tendenza nuova e poderosa per il modo con cui riconfigura il medium fumetto a cento anni dalla sua nascita. Si tratta dell'antifumetto, una corrente sotterranea ma estremamente vitale. Le caratteristiche portanti vanno ricercate nel disegno, sempre brutto, abbozzato, tirato via e ancor piu' spesso realizzato su fogli da fotocopia, a volte tovaglioli di carta, addirittura cartaigienica. A questo disegno infantile, ma senza orpelli, ne' accomodamenti pedagogici, e che ricorda piu' spesso il trauma del crescere nell'era del postmoderno piuttosto che la spensieratezza dei parchi giochi si aggiungono dei testi feroci e insensati. In un trionfo di bestemmie, droga, nonsense e attitudine dada che non sarebbe dispiaciuta a Tristan Tzara, Man Ray e agli altri artisti della Parigi anni '20, si compie il destino finale della narrazione per immagini. Il fumetto e' completamente destrutturato, scompaiono i formalismi tipici del medium, abbattuti da disegni solo vagamente umanizzati. I testi perdono per sempre una qualsivoglia narrazione e si trasformano in oscenita', graffiti, smozzicate e sgrammaticate frasi da bar, di una periferia piu' mentale che fisica. Dalla catastrofe del segno e del linguaggio esce la forza impareggiabile ed incontenibile di questi fumetti che indicano (apparentemente) il grado zero
della comunicazione mentre riescono invece a trasmettere lo straniamento e lo stordimento che vivono le persone e le comunita' nel deserto esistenziale tardocapitalistico. Tra gli autori in mostra Nicoz, Davide Aprea, Edoardo Baraldi, Stefano R. Somogyi, Dr. Pira, Maicol e Mirco e le pubblicazioni Motorino, Caccapiscia, Petrolio, I fumetti della gleba e The end is near. Mostra a cura di Dario Morgante e Stefano Somogyi per il giornale KR/Kerosene Revoluzione. Per informazioni: 0328.6482527 [kerosene.comic@flashnet.it]. LE MOSTRE COLLETTIVE / PORNO WOMEN FROM OUTER SPACE. "Gia' il sesso in se' fa piangere Gesu' bambino, figuriamoci trarre gusto dal rappresentarlo. Se siete donne. Se al contrario siete maschietti allora il sesso non dev'essere un problema. Di piu': e' terreno di scontro e competizione. E se non vi sentite competitivi tanto peggio: froci." "Ci siamo divertiti ad immaginare un'antologia dove autrici donne disegnassero storie di sesso esplicito, rendendo cosi' giustizia in un
colpo solo a due mortali luoghi comuni: che la pornografia e' mercificazione (e qui vi assicuriamo non prende una lira nessuno) e che le donne non la amano, preferendole profluvi di fiori colorati e bambinetti paffuti." "Cosi' abbiamo fatto, senza pretese tranne una: perseguire sempre, come autori e come persone, la liberta' d'espressione e la ricerca della felicita' e del meraviglioso." (dall'introduzione del n. 6 di Kerosene). Dalle pagine-scandalo della rivista di fumetto d'autore internazionale Kerosene otto autrici raccontano se stesse e il sesso in tavole esplicite ma al tempo stesso lontane anni-luce dall'idea di mercificazione. Carrie McNinch (USA), Gretaeta, Luisa Montalto, Maaike Hartjes (Olanda), Tatiana Gill (USA), Maria Bjorklund (Finlandia), Lee Kennedy (UK) e Alessandra Sabatini ridisegnano le coordinate del sesso al femminile, come non era mai stato fatto prima. (Per evidenti motivi legati al carattere familiare della manifestazione Expocartoon gli organizzatori di Muccafumetto sono costretti ad operare una censura preventiva sui lavori esposti. Durante la fiera sara' comunque disponibile il n. 6 di Kerosene con le storie complete di tutte le autrici.) Mostra a cura di Alessandra Sabatini per la rivista Kerosene. Per informazioni: 0338.4590735 [morla@m1.axnet.it]